San Benedetto da San Fratello detto il Moro: La Vita


San Benedetto da San Fratello - Uomo senza frontiere venerato in tutto il mondo"Comitato

Sito web a cura del "Comitato festeggiamenti San Benedetto il Moro" San Fratello (ME).

mercoledì 7 febbraio 2018

San Benedetto il Moro nella scultura di José Montes de Oca


E in tempi in cui sugli uomini dalla pelle nera si torna a consumare violenze ideologiche, verbali o purtroppo anche fisiche, è inevitabile pensare che una scultura come questa abbia qualcosa da dire.
È una scultura in legno alta poco più di un metro e 20. L’ha realizzata, con molte probabilità, un artista sivigliano vissuto tra 1600 e 1700, José Montes de Oca e oggi è conservata in un museo americano, Il Minneapolis Institute of Arts.. Inutile sottolineare quanto sia folgorante e quasi spiazzante al primo sguardo: una figura di santo evidentemente africano immersa nell’oro della veste.
È San Benedetto il Moro. Mi piace credere che l’arte abbia senso perché lavora e agisce anche nel presente. E in tempi in cui sugli uomini dalla pelle nera si torna a consumare violenze ideologiche, verbali o purtroppo anche fisiche, è inevitabile pensare che una scultura come questa abbia qualcosa da dire.
Il soggetto di questa scultura, per usare termini della cronaca, è figlio di migranti, venuti (o meglio deportati) dall’Etiopia a inizio ‘500. Il padre e la madre, Cristoforo e Diana, erano schiavi a San Fratello in provincia di Messina. Benedetto era il primogenito e come promesso ai suoi genitori venne “liberato” dal padrone, da cui per altro prese il cognome, Manasseri.

martedì 5 dicembre 2017

San Benedetto il Moro inserito nel percorso di studi della facoltà di Scienze Politiche di Palermo

Ieri mattina gli studenti del secondo anno di Scienze Politiche dell'università di Palermo, hanno fatto visita al Convento di Santa Maria di Gesù. 
L'iniziativa, promossa dalla Professoressa Giovanna Fiume, sempre attenta alla figura di San Benedetto il Moro, è servita ad approfondire gli studi sulla vita del nostro Santo, inserito nel programma di MOBILITÀ E DIASPORE NEL MONDO MODERNO. 
Un momento molto interessante, di conoscenza anche fuori dall'aula!

martedì 26 settembre 2017

Incontro sulle memorie storiche - locali al museo dei Peloritani

San Benedetto il Moro e i Giudei di San Fratello al Museo dei Peloritani. L’Incontro di studio che si è svolto sabato 16 settembre, presso il Museo di Villaggio Gesso, ha suggellato il legame tra Peloritani e Nebrodi con la stipula di un protocollo d’intesa.
“San Benedetto il Moro e i Giudei di San Fratello, fra storia, devozione e pratiche cerimoniali” è il titolo dell’incontro di studio svoltosi sabato 16 settembre alle ore 18:00 presso il Museo di Villaggio Gesso.
A conversare sul tema, proprio alla vigilia della festa del Santo Patrono del centro nebroideo, Salvatore Mangione, autorevole custode delle “memorie storiche locali”. Ad ampliare l’orizzonte di riflessione etnoantropologica gli interventi di Mario BolognariDario CaronitiSergio Todesco Mario Sarica.