San Benedetto da San Fratello detto il Moro: La Vita


San Benedetto da San Fratello - Uomo senza frontiere venerato in tutto il mondo"Comitato

Sito web a cura del "Comitato festeggiamenti San Benedetto il Moro" San Fratello (ME).

sabato 24 giugno 2017

Palermo festeggia il suo compatrono Benedetto da San Fratello

A Santa Maria di Gesù un intenso programma per celebrare San Benedetto il Moro.
Da martedì 27 giugno a domenica 2 luglio saranno giorni di festa a Palermo, in particolar modo nella borgata di Santa Maria di Gesù, dove è custodito il corpo incorrotto di San Benedetto da San Fratello. 
Una settimana ricca di eventi in programma che si concluderà giorno 2 Luglio con la solenne processione del venerato Simulacro di San Benedetto il Moro per le vie principali del quartiere.
Quest'anno i festeggiamenti, rinviati di una settimana (causa eventuale ballottaggio delle elezioni comunali previsto per domenica 25 giugno), vedranno la presenza del neo-parroco fra Paolino Saia. Qualche cambiamento per la giornata conclusiva di Domenica 2: la Solenne celebrazione Eucaristica viene spostata nel pomeriggio alle ore 17.30, con la tradizionale offerta dei ceri da parte del Sindaco Prof. Leoluca Orlando a nome della Città.
Alle ore 22, a conclusione della processione, in piazza è in programma uno spettacolo musicale al termine del quale ci saranno i fuochi pirotecnici. 
Ricordiamo che da San Fratello, per poter prendere parte alla Santa Messa e alla processione, è previsto il trasferimento in Pullman. Ci sono ancora posti disponibili. Per chi vuole, può prenotarsi in Chiesa Madre entro Martedì 27 giugno. 
Di seguito il programma dettagliato.

martedì 13 giugno 2017

Domenica 2 Luglio a Palermo i festeggiamenti in onore di San Benedetto

In occasione dei festeggiamenti in onore di San Benedetto il Moro a Santa Maria di Gesù, il Comitato, assieme alla Parrocchia Maria S.S. Assunta organizzano la trasferta in Pullman da San Fratello.
Domenica 2 Luglio giornata conclusiva dei festeggiamenti in onore di San Benedetto il Moro a Santa Maria di Gesù (Palermo).
Da San Fratello si organizza trasferimento in pullman per partecipare alla Santa Messa e alla processione.
Durante la giornata visita anche al santuario di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino. 
Il programma dettagliato della giornata verrà pubblicato prossimamente. 

Per chi vuole partecipare, adesioni in Chiesa Madre entro Martedì 27 giugno.

sabato 11 marzo 2017

In Messico la Conferenza su San Benedetto da San Fratello dal titolo: “San Benedetto il Moro dalla Sicilia al Nuovo mondo”

L'Istituto Italiano di Cultura Città del Messico, invita alla conferenza “San Benedetto il Moro dalla Sicilia al Nuovo mondo” della professoressa Giovanna Fiume. Venerdì 17 marzo ore 19.00.
Benedetto, figlio di due schiavi africani cristianizzati, nasce in Sicilia a San Fratello in provincia di Messina nel 1524, entra in una Congregazione francescana dedita all’eremitaggio e, nel 1562, nel convento di Santa Maria di Gesù, presso Palermo. Viene considerato dall’élite e dal popolo minuto della capitale del Vice-regno spagnolo un “santo vivo” e a lui tutti accorrono per chiedere miracoli, soprattutto di guarigione. Subito dopo la sua morte (nel 1589) si avviano i processi di canonizzazione, ma ben prima che essi si concludano Benedetto viene venerato come santo e la sua devozione si diffonde dalla Sicilia alla penisola ibérica e da qui nelle Americhe. Sono i francescani a proporre il suo modello di santità (lo schiavo docile e ubbidiente, pur nella sofferenza della schiavitù) agli africani che la tratta deporterà in misura crescente verso il centro e il sud America. Qui saranno le confraternite nere, organizzate sotto il suo patrocinio, a determinarne la fortuna e a caratterizzarne il culto attraverso manifestazioni devozionali con marcate caratteristiche proveniente dalla cultura africana. Ciò avverrà ben prima che il papa proclami Benedetto beato (nel 1743) e poi santo (nel 1807).

martedì 7 marzo 2017

Il pittore Beppe Madaudo, ha donato un'icona raffigurante San Benedetto il Moro, a Wole Soyinka, Nobel per la Letteratura

E' la conferma della sensibilità artistica di Madaudo, ma anche di come la cultura dell'accoglienza, faccia parte della storia della città di Palermo che ha scelto, come suo patrono, un figlio di schiavi.
Il pittore Beppe Madaudo, ha donato oggi un'icona raffigurante San Benedetto il Moro, co-patrono di Palermoal drammaturgo, poeta, scrittore e saggista nigeriano, Wole Soyinka, premio Nobel per la Letteratura nel 1986 e, dal mese di ottobre, cittadino onorario di Palermo.